Luca Bolognini

Luca Bolognini – Founding partner

Nato a Dolo (VE) l’11 dicembre 1979. Presidente dell’Istituto Italiano per la Privacy e la Valorizzazione dei Dati (IIP) dal 2008. Avvocato del foro di Roma, è founding partner dello studio ICT Legal Consulting con sedi a Milano, Roma, Bologna e Amsterdam e presenza in altri 19 Paesi. Recommended Lawyer The Legal 500 EMEA 2017. Laureato in Giurisprudenza all’Alma Mater Università di Bologna, parla fluentemente inglese e ha una buona conoscenza dello spagnolo.

 

Insegna, dal 2010, diritto della privacy alla SSPL della Facoltà di Giurisprudenza dell’Università di Teramo e, dal 2015, business law nel Master in Big Data Management della LUISS Business School; dal 2016 è docente del Master Unitelma “I Professionisti della digitalizzazione e della privacy”, in particolare in materia di privacy e lavoro; dal 2017 insegna diritto dei dati e della privacy anche al Master di secondo livello in cybersecurity, data protection and privacy all’Università di Roma Tor Vergata e al Master in Advanced Studies on the Internet of Things dell’Università di Ginevra, e dal 2018 al Master di secondo livello in Studi Avanzati di diritto del lavoro, organizzazione e relazioni industriali all’UniMercatorum e ai corsi per Data Protection Officer dell’Università Europea di Roma, del CNR Pisa e dell’Università Statale di Milano. In questi anni è stato, inoltre, docente in corsi di alta formazione in materia di diritto dei dati (Master Privacy Officer per la Certificazione TÜV, AFGE, Paradigma, Optime, Scuola Superiore PA, Euroconference e altri).

 

Ricopre il ruolo di ethics & privacy advisor per diversi progetti di ricerca e innovazione europei “Horizon 2020” ed è board member dei progetti EU H2020 «Privacy Flag», «Cloudwatch 2», «Cyberwatching», «ANITA». Luca è componente dell’International Core Team of DataEthicsEU, co-Chair del Board of Senior Experts dello schema di certificazione EuroPrivacy e membro del Comitato dei Saggi dell’Associazione Nazionale per Operatori Responsabili della Conservazione Digitale. Nel 2017 è stato fondatore, con l’Istituto Privacy, del CNAC – Centro Nazionale Anti-Cyberbullismo, sostenuto da grandi imprese e importanti studi legali italiani e stranieri.

 

Ha presentato studi in conferenze italiane ed estere (fra le quali, in più occasioni, ITU Telecom World) e pubblicato numerosi articoli su quotidiani e riviste nazionali e internazionali (tra cui The Wall Street Journal, European Voice, Computer Law & Security Review, Diritto Economia e Tecnologie della Privacy, Il Sole 24 Ore), in materia di protezione dei dati e altri aspetti del diritto, riguardanti temi come Intelligenza Artificiale, Internet delle Cose e Industria 4.0, GDPR, e-Privacy, Big Data, cloud computing, sanità e finanza digitali, smart contracts, e-commerce, sicurezza pubblica digitale, controlli a distanza sul lavoro, libertà di espressione, dati dei minori.

 

Tra i libri di cui è stato autore e/o curatore: “Deontologia Privacy per avvocati e investigatori privati” (Giuffrè, 2009), “Next Privacy” (RCS Etas, 2010), “Privacy Officer” (Ipsoa, 2013), “Privacy Technologies and Policies” (Springer, 2016). Ha pubblicato con il Corriere della Sera, nel 2014, il pamphlet “Generazione Selfie”. È autore con Pelino e Bistolfi del volume best seller “Il Regolamento Privacy Europeo” edito da Giuffrè nell’ottobre 2016, il primo commentario italiano al GDPR. È suo il capitolo su trasparenza e privacy nel volume «La nuova responsabilità sanitaria e la sua assicurazione» (Giuffrè, 2017). Nel luglio 2018, esce in libreria il suo pamphlet “Follia Artificiale – Riflessioni per la resistenza dell’intelligenza umana”, dedicato al rapporto tra diritti, digitale e intelligenza artificiale, edito da Rubbettino.